Category

Proiezione

Il progetto Liburna

By | Conferenza, Evento, Proiezione
il progetto Liburna

con
Danilo Leone e Maria Turchiano (Università di Foggia), Giuliano Volpe (Presidente del Consiglio Superiore dei Beni culturali e paesaggistici, già Rettore dell’Università di Foggia)

Questo importante progetto di ricerca, che prendeva il nome dalla liburna, la tipica imbarcazione illirica, ha messo a fuoco l’archeologia dei paesaggi costieri dell’odierna Albania, tra la baia di Valona e il promontorio di Karaburun.
A partire dal 2006, le indagini subacquee e lungo la riva hanno raccolto una ricca serie di informazioni sulle frequentazioni preromane e romane, medievali e di età moderna, che permettono di rintracciare fasi e modi del popolamento antico. 
Il progetto ha avuto l’ulteriore merito di contribuire alla tutela e alla valorizzazione del patrimonio sommerso dell’area. Al momento dell’avvio delle ricerche non esisteva alcuna indicazione precisa su relitti antichi e su siti sommersi ad eccezione di alcuni materiali – in particolare anfore –, frutto di rinvenimenti isolati, conservati in vari musei albanesi. Il ‘Paese delle aquile’, infatti, nonostante la straordinaria importanza dei suoi litorali, costellati da porti e approdi antichi, non aveva conosciuto nei decenni precedenti uno sviluppo della ricerca archeologica subacquea paragonabile a quello di altri paesi del mediterraneo occidentale.
Basti pensare che durante gli anni del regime comunista l’attività subacquea era di fatto proibita, mentre dopo la sua caduta, e nella fase dei grandi sconvolgimenti che ha conosciuto il paese negli anni novanta, si è avviata una drammatica e preoccupante attività di depredamento di beni archeologici sommersi.

Alle 17, la curatrice Rita Auriemma accompagnerà i visitatori alla scoperta della mostra. La visita è gratuita, l’ingresso alla mostra a pagamento e dà diritto a un posto riservato per la conferenza delle 18. Per info su ingressi e riduzioni vedi la pagina dedicata

QUANDO: Giovedì 22 marzo alle 18.00

DOVE: Auditorium del Salone degli Incanti, Trieste

TIPOLOGIA DI EVENTO: conferenza + video

INGRESSO: gratuito

I segreti del Golfo

By | Evento, Proiezione
I segreti del Golfo, di Luigi Zannini e Pietro Spirito

un documentario di
Pietro Spirito e Luigi Zannini
produzione Rai Fvg
regia Luigi Zannini

Dal Golfo di Trieste alle coste slovene, tra Storia e Natura il mare nasconde molti segreti.
Dai relitti della seconda guerra mondiale al giallo di un traghetto affondato nel porto di Trieste, fino ai depositi di gas naturale nascosti sul fondo del mare e al possibile e ritorno del Grande squalo bianco, un viaggio subacqueo fra storie e vicende sconosciute dell’estremo Nord dell’Adriatico.

Alle 17, la curatrice Rita Auriemma accompagnerà i visitatori alla scoperta della mostra. La visita è gratuita, l’ingresso alla mostra a pagamento e dà diritto a un posto riservato per la conferenza delle 18. Per info su ingressi e riduzioni vedi la pagina dedicata

QUANDO: Giovedì 1 febbraio alle 18.00

DOVE: Auditorium del Salone degli Incanti, Trieste

TIPOLOGIA DI EVENTO: proiezione

INGRESSO: gratuito

Uskok. Storia degli Uscocchi

By | Conferenza, Evento, Proiezione
Uskok. Storia degli Uscocchi

con
Cesare Bornazzini e Tea Perincić (Museo storico marittimo del Litorale Croato – Rijeka/Fiume)

Gli Uscocchi sono stati i corsari dell’Adriatico. Guerriglieri feroci prima, pirati senza scrupoli poi, erano cristiani riversatisi sulle coste del Mare Adriatico per sfuggire all’avanzata dei Turchi. Inizialmente famosi per le loro operazioni di guerriglia contro i Turchi, si dedicarono con successo alla pirateria diffusa.
Dalla roccaforte di Segna in Croazia, posta sotto la sovranità asburgica, organizzavano veloci spedizioni di saccheggio sulle loro agili fuste.

Durante l’incontro, verrà proiettato il docufilm USKOK. Storia degli Uscocchi, di Cesare Bornazzini (32′, col.).

Alle 17, la curatrice Rita Auriemma accompagnerà i visitatori alla scoperta della mostra. La visita è gratuita, l’ingresso alla mostra a pagamento e dà diritto a un posto riservato per la conferenza delle 18. Per info su ingressi e riduzioni vedi la pagina dedicata

QUANDO: Martedì 6 marzo alle 18.00

DOVE: Auditorium del Salone degli Incanti, Trieste

TIPOLOGIA DI EVENTO: conferenza + docufilm

INGRESSO: gratuito

La nave dolce

By | Evento, Proiezione
La nave dolce di Daniele Vicari

un documentario di Daniele Vicari
(Italia/Albania, 2012, 90′, col.)
presentato da Nicolò Carnimeo (Università degli Studi di Bari Aldo Moro)

8 agosto 1991: una nave albanese, carica di ventimila persone, giunge nel porto di Bari. La nave si chiama Vlora. La maggior parte di coloro che salirono sulla nave vennero rispediti in Albania ma gli sbarchi continuarono e qualcuno tentò ancora la traversata.
A 12 anni di distanza, Daniele Vicari ripropone le immagini documentarie di quel viaggio della speranza trasformandole in una narrazione condotta da chi su quella nave (‘dolce’ perché con a bordo un carico di zucchero che è servito, come ricorda uno degli interventi, “a tenere viva l’anima”) c’era.
L’autore si è trovato di fronte a centinaia di ore di girato mai utilizzato da parte di televisioni private dell’epoca. Ha potuto così far rivivere ciò che era finito in un archivio grazie alle testimonianze di chi, per le ragioni più diverse, era salito sulla Vlora sperando oltre ogni speranza.

Alle 17, la curatrice Rita Auriemma accompagnerà i visitatori alla scoperta della mostra. La visita è gratuita, l’ingresso alla mostra a pagamento e dà diritto a un posto riservato per la conferenza delle 18. Per info su ingressi e riduzioni vedi la pagina dedicata.

QUANDO: Giovedì 22 febbraio alle 18.00

DOVE: Auditorium del Salone degli Incanti, Trieste

TIPOLOGIA DI EVENTO: conferenza

INGRESSO: gratuito

Trincee del mare. La Grande guerra nel Nord Adriatico

By | Evento, Proiezione
TRINCEE DEL MARE. La Grande guerra nel Nord Adriatico

un documentario di Pietro Spirito e Luigi Zannini (Italia, durata 45′), terzo filmato della serie “La Frontiera Sommersa”

produzione Rai Fvg
regia Luigi Zannini

Scontri navali, incursioni, colpi di mano. Dai primi attacchi italiani alla laguna di Grado fino all’affondamento delle corazzate Wien e Viribus Unitis, la Grande guerra del Nord Adriatico vista attraverso i relitti di navi da battaglia, torpediniere, sommergibili, pontoni armati.

Con un tuffo nella grande Storia, “Trincee del mare” racconta gli sviluppi e lo svolgersi della Grande Guerra nel Nord Adriatico attraverso alcune fra le tracce e i relitti lasciati dal conflitto sul fondo del mare. Dopo oltre un anno di ricerche, immersioni, riprese a terra e subacquee, con la consulenza di storici ed esperti e l’appoggio di enti e istituzioni – dalla Soprintendenza Archeologia e Belle Arti e Paesaggio del Fvg, alla Marina militare e Guardia costiera fino ai sommozzatori della Polizia di Stato – il team della Frontiera Sommersa ha seguito – e in qualche caso scoperto – storie e vicende della Grande Guerra spesso dimenticate e nascoste in fondo al mare.

Dalla prima azione di guerra fra l’Italia e l’Austria-Ungheria – l’attacco del cacciatorpediniere Zefiro all’isola di Anfora nella laguna di Grado la notte del 24 maggio 1915 – fino all’affondamento della corazzata Viribus Unitis nella rada di Pola il 1 novembre del 1918, il documentario ricostruisce lo svolgersi dei quattro anni di combattimenti dal golfo di Venezia a quello di Trieste, dalla laguna di Grado alle coste dell’Istria, esplorando i relitti e i resti sommersi di quegli scontri. Con alcune scoperte sorprendenti, come il relitto della zattera armata posta a guardia di Grado e fatta esplodere dagli italiani in fuga dall’isola dopo Caporetto, o il pontone italiano armato affondato alle foci dell’Isonzo, o ancora i resti dell’imbarcazione austriaca carica di munizioni destinate al fronte colata a picco durante un fortunale al largo di Grado nel novembre del 1917. E, ancora, i relitti delle torpediniere italiane 88S e 5PN, dell’ U-Boot tedesco U-73, e, a terra, i ruderi delle batterie costiere.

Su tutto, il profilo e la memoria dei protagonisti di quegli eventi: da Luigi Rizzo a Gabriele D’Annunzio, dall’ammiraglio Alfred von Koudelka, comandante del Seebatallion Trieste, a Raffaele Rossetti, l’affondatore della Viribus Unitis. E poi i tanti, anonimi volti dei marinai che nelle acque dell’Alto Adriatico combatterono con abnegazione e coraggio dall’una e dall’altra parte delle “Trincee del mare”.

Alle 16.30, la curatrice della mostra, Rita Auriemma, accompagnerà i visitatori alla scoperta della mostra. La visita è gratuita, l’ingresso alla mostra a pagamento e dà diritto a un posto riservato per la proiezione delle 18. Per info su ingressi e riduzioni vedi la pagina dedicata.

QUANDO: Sabato 7 aprile alle 18.00

DOVE: Auditorium del Museo Revoltella, Trieste

TIPOLOGIA DI EVENTO: proiezione

INGRESSO: gratuito

FORTUNA MARIS. Il mistero di un naufragio

By | Evento, Proiezione
Fortuna Maris - Nel mare dell'intimità

(Italia, 2005, 30′, HDV, col.)
di Adolfo Conti
Consulenti scientifici: Fede Berti, Livio Zerbini

Pochi anni fa, vicino a Comacchio, tornò alla luce una nave romana con il suo carico intatto. Anfore, pani di piombo, vasellame di vario genere ma anche oggetti di raffinatissima manifattura come statuine e piccoli larari.
Dal fango riemerse il corredo della vita quotidiana dei marinai: suppellettili in legno e cuoio, calzature, utensili, grembiuli e vestiti di pelle. Attraverso questi reperti perfettamente conservati, il documentario racconta la vita a bordo di una nave romana e rivela aspetti poco noti della marineria di duemila anni fa.
Archeologi e restauratori si sono trovati di fronte a diversi quesiti da risolvere: a chi era diretto il carico? Quali furono le circostanze del suo naufragio?

QUANDO: Giovedì 4 gennaio alle 18.00

DOVE: Auditorium del Salone degli Incanti, Trieste

TIPOLOGIA DI EVENTO: conferenza

INGRESSO: gratuito